Tra il reale e l'irreale c' una porta quella porta siamo noi
  filidiluna
 


Vorrei condividere con voi le parole di una vecchia poesia
dialettale che si chiama :
non mi lassari sulu.
(Passano gli anni ma ...)
 Ascutami,
parru a tia stasira
e mi pari di parrari o munnu.
Ti vogghiu diri
di non lassàrimi sulu
nta sta strata longa
chi non finisci mai
ed havi i jorna curti.
Ti vogghiu diri
chi quattr'occhi vidinu megghiu,
chi miliuna d'occhi
vidinu chiù luntanu,
 e chi lu pisu spartutu nte spaddi
è diventa leggìu.
Ti vogghiu diri
ca si t'appoji a mia
e io m appoju a tia
non putemu cadiri
mancu si lu furturati
nn'assicutanu a vintati.
L'aceddi volanu a sbardu,
cantanu a sbardu,
nu cantu sulu è lamentu
e mori'ntall'aria.
Non calari l'occhì,
ti vogghiu amicu a tavula;
e non è vero mai'
ca si deversu di mia
c'allongu i vrazza
e ti chiamu: frati...
(Ignazio Buttitta)


Traduzione :

Non mi lasciare solo
Ascoltami,
parlo a te stasera
e mi pare di parlare al mondo.
Ti voglio dire
di non lasciarmi solo
in questa strada lunga
che non finisce mai
e ha i giorni corti.
Ti voglio dire
che quattro occhi vedono meglio,
che milioni d'occhi
vedono più lontano,
e che il peso diviso sulle spalle
diventa leggero.
Ti voglio dire
che se ti appoggi a me
e io m'appoggio a te
non possiamo cadere
nemmeno se la bufera
c'insegue a ventate.
Gli uccelli volano a stormo,
cantano a stormo,
un canto solo è lamento
e muore nell'aria.
Non abbassare gli occhi,
ti voglio amico a tavola;
e non è vero mai
che sei diverso da me
che allungo le braccia
.e ti chiamo fratello...



Dal libro di Giulia Cercasi:

Una vecchia canzone diceva:
"Tu sai tutto sulla realtà del mercato e io qui

lo ammetto di essere negato.
Ma a inventare quello che non c'è
io forse sono più bravo di te...
Tu hai i soldi ,
io la fortuna di trovare fuori dalla spazzatura.
Perchè a trovare quello che non c'è i
o forse sono meglio di te."
E allora lascia perdere i conti e le cifre.
Sai dire quanto amore hai dentro?
Non lo sai eh?
E allora lascia perdere la matematica
inventa quello che non c'è.
Perchè quello che c'è è di tutti.
Ma se riesci a trovare quello che non c'è,
bè; allora hai qualcosa di solo tuo.
E se qualcun altro vede quello che vedi tu,bè,
allora hai trovato qualcuno che ti vive.
Non lasciarlo fuggire.
FERMALO!
Vivilo! Scrivilo!

Le storie sono come le persone.
Non sono fatte per stare sole.
Da qualche parte nel mondo
c'è qualcuno che vive una sotoria
che si rispecchia alla tua.
Guardati intorno!
Quel qualcuno non è tanto lontano da te.

E' l'altra metà del libro.
Non perdere tempo a scrivere altre pagine.
Cercalo!
Il resto lo scriverete insieme,
perchè non c'è niente di più riuscito
di due storie che s'intrecciano.



Ll'ombra     
 Pure quanno m' addormo te penzo

pecchè dormo liggiero liggiero

pe' chissà te venesse' o penziero

'e te sòsere e correre ccà.

l'ata notte in' 'o mmeglio d' 'o suonno

cu no zumpo me songo scetato:

me truvavo cu ttico abbracciato.

Era n' ombra... e che vuò cchiù durmì!

Ma chell' ombre ca pàreno 'o vero,

ca se mòveno e fanno remmore,

ca respirano e siente 'o calore

'e nu sciato ca sciata pè tte,

ca respirano e appanan' 'e llastre

ca pò restano overo appànnate.

Como a dinto 'a nu cunto d' 'e ffate

tu te ncante e te miette a parlà.

"Sei venuta?" "E tu nun me vulevi?"

"Nhe guardate! Mò nun te vulevo!"

Sulamente ca nun 'o ssapevo

ca sarrisse venuta addu me."

"E... te siente nu poco sperduto?"

"Nun me sento nè nterra n è ncielo"...

Tutto nzieme è scennuto nu velo
e te siento sultanto parlà.

"Damm' 'a mano",e tu 'a mano ne daie,

e restammo accussì dint' 'o scuro.

Cchiù t'astregno cchiù sogno sicuro
ca stu velo cchiù fitto se fa.

"Isabè", ma tu nun me rispunne.

"Isabella!", e nun sento cchiù 'a voce,

ma te sento cchiù viva e cchiù doce

quanno ll'ombra t' 'a chiamme addu te 
(Eduardo De Filippo)





E PENSO A TE...
Guardo la tv
...vieni via con me...
(E come spesso penso a te)
Ascolto Liga che da la buonanotte all'italia.
dopo il discorso.
sconcertante di Saviano.
Mi rendo conto in questo momento
quanto sono fragili i mei problemi.
Di canzone in canzone
di casello in stazione
abbiam fatto giornata
che era tutta da fare
la luna ci ha presi
e ci ha messi a dormire
o a cerchiare la bocca
per stupirci o fumare
come se gli angeli fossero lì
a dire che si
è tutto possibile
Buona notte all'italia
(che si fa l'italia o si muore)
E mi torna in mente "noi"
Tu,come ti vedevo,...
eri solo il frutto dei mei desideri.
Sono stata io.. 
che ho voluto credere
speciale...Un "uomo" normale.
Buonanotte all’Italia
con gli sfregi nel cuore
e le flebo attaccate
da chi ha tutto il potere
e la guarda distratto
come fosse una moglie
come un gioco in soffitta
che gli ha tolto le voglie
e una stella fa luce
senza troppi perché
ti costringe a vedere
tutto quello che c’è
Buona notte all'italia
(che si fa l'italia o si muore.)
O si passa la notte
"a volersela fare"...
>>>Luana<<<
La canzone  Buonanotte Italia
è di Ligabue

Credere

E' stato cosi facile credere alle tue parole,
ai tuoi ti amo,
alle tue tenerezze e ai nostri baci.
e adesso devo credere che è
tutto finito???


>>>Luana<<<


SOGNARE E POI ANCORA SOGNARE

Sogna , nel sogno, sognati.
Un sogno di sogni "impossibili".
Sognami in un sonno di sogni
che schiudano il mondo
in un mondo di luci...
Alemeno tu.

>>>Lu<<<



Sento ancora il calore 
della tua pelle.
La forza delle tue mani,
sudate di piacere sui miei seni...
Mi lasciavo trasportare dal tuo ardore.
Ancora tua.
Sono troppo belli i ricordi 
di cosi tante ore... di cosi tanti giorni.
Quanto ti ho amato...
E tu posi le tue mani chissà su chi...
Quanto ancora ti amo...
E quanto è doloroso sentire quello squillo...
E tu...
Non importa tu ormai sei passato.
Ed io nel presente ancora tua.

<<<Luana>>>



Sono qui davanti alla pagina vuota
e non trovo le parole,
ti lascio solo 
più sinceri auguri .



 


TENTAZIONE
Testo e musica di Franco SIMONE

 

 
 
 
Come parlavi d'amore tu
Non ha parlato nessuno mai
E mi stupivi soltanto tu
Nel regalarti agli occhi miei

Come inventavi l'amore tu
Non l'ha inventato nessuno mai
Passavo il segno vicino a te
Che mi separa dalla felicità

Come facevi l'amore tu
Con nessun'altra l'ho fatto mai
La tentazione di averti mia
Non mi abbandona… come mai?…

Ed è per questo che sono qui
A costruire un ricordo in più
Avrò il diritto di dire poi
Che un grande amore l'ho avuto anch'io

 Ed è per questo che sono qui
Magari fingi se tu lo vuoi
Sarà per gioco o per nostalgia
Per una volta torna mia
Per una volta torna mia
Per una volta torna mia
Come facevi l'amore tu
Con nessun'altra l'ho fatto mai
La tentazione di averti mia
Non mi abbandona… come mai?…

Ed è per questo che sono qui
È il modo giusto per dirsi addio
Donarsi il corpo nell'andar via
Sarà saggezza sarà follia

Ed è per questo che sono qui
Magari fingi se tu lo vuoi
Sarà per gioco o per nostalgia
Per una volta torna mia
Per una volta torna mia
Per una volta torna mia 

GLI UOMINI

Gli uomini si fermano a guardare il cielo
Mentre un nuovo cambio di stagione se li porta via
Gli uomini si aggrappano ad un giorno nuovo
Di ogni cosa nuova si chiedono che cosa sia
E quando trovano la donna-spazio che avevano dentro
Pensano piano piano "Adesso non mi muovo più"
Poi fanno finta di passare ad altre costruzioni
Ma poi gli scappa un "Non ti lascio più"

Gli uomini rocce dure contro il vento
Si cercano sempre nei pensieri un'altra realtà
Gli uomini dicono tutti le stesse frasi
Ma quando s'innamorano non sono uguali mai
E di una donna prima o poi per strada pensano
"E' questo il mare la terra l'aria che non ho"
Sono convinti di tenersi i pensieri dentro
Ma poi gli scappa un "Non lasciarmi più"

E tu che sei arrivata da lontano… che cosa sei?…
Se non mi fossi perso tante volte con te vorrei
Mischiare le mie carte e poi giocare
Come fosse la prima volta la prima volta l'unica
Ma forse ti vedevo da lontano e avevo un po' paura
Adesso non mi dire "Io ti amo" ma dentro pensalo
Perché con te mi voglio consumare
Senza dirtelo mai
Senza dirtelo mai…
Senza dircelo mai

Gli uomini ai poeti maledetti rubano sempre
L'arte d'innamorarsi e non avere pace mai
Gli uomini dicono tutti le stesse frasi
Ma quando s'innamorano non sono uguali mai
E di una donna prima o poi per strada pensano
"E' questo il mare la terra l'aria che non ho"
Sono convinti di tenersi i pensieri dentro
Ma poi gli scappa un "Non lasciarmi più"

E tu che sei arrivata da lontano… che cosa sei?…



Ho deciso devo staccare.
Devo stare un pò senza entrare 
non so per quanto tempo
il tempo che mi servirà 
per trovare altri colori...
 Quando i versi ora in me spenti
riaffioriranno tornerò.
Luana




 
  copyright  
 
Questo sito web stato creato gratuitamente con SitoWebFaidate.it. Vuoi anche tu un tuo sito web?
Accedi gratuitamente